05 dicembre 2017

ANPI Milano - ANED. Contro ogni fascismo e intolleranza.


L'insostenibile ipocrisia bugiarda dei fascisti moderni.

"Chi sono i fascisti moderni? Sono quelli che tirano il sasso e nascondono la mano; sono i teorici della menzogna sfacciata, della bugia ripetuta, della sfrontatezza dichiarata. Gente rispetto alla quale perfino Riina, che dichiarava di aver vagamente saputo di Cosa Nostra solo dai giornali, aveva più onestà intellettuale.
I fascisti, fascistelli, parafascisti e post fascisti nostrani sono quelli che fanno buuu o lanciano banane ai giocatori di colore però non è razzismo, non è trattarli come scimmie, ma solo un modo per far perdere loro la concentrazione; sono quelli che Anna Frank con la maglia della Roma o della Lazio o di qualsiasi altra squadra è goliardia e non anti-semitismo; sono quelli che dicono che il fascismo non esiste più ma poi corrono in soccorso del bagnino fascista di Chioggia che aveva trasformato il suo stabilimento in un sacrario del Duce. O che minacciano Emanuele Fiano solo perché vuole colpire - stranamente - la propaganda fascista.
Sono quelli che rivendicano il diritto di bere bottiglie di vino con l'etichetta di Hitler o Mussolini perché è solo libertà di espressione.
Sono quelli che mentre gruppi di facinorosi vogliono ripetere la marcia su Roma minimizzano e fanno finta di scandalizzarsi dello scandalo dicendo: ma come? Ci sono i migranti, c'è l'Isis, le tasse, le banche, l'immondizia, la droga e cosa sarà mai rievocare la Marcia su Roma?
Sono quelli che scimmiottano la marcia su Roma ma la chiamano marcia della Patria.
Sono quelli che quando una bandiera neonazista è affissa su un muro di una caserma dei carabinieri si improvvisano storici e spiegano che no, non è nazista ma una innocentissima bandiera tedesca della prima guerra mondiale e quindi è perfettamente legittimo che un militare se ne invaghisca.
Sono quelli che dicono che l'antifascismo è la coperta di Linus della sinistra mentre promettono di intitolare vie a Giorgio Almirante. Sono quelli che destra e sinistra sono concetti superati quindi il 25 aprile non c'è nulla da festeggiare e i partigiani erano ladri e assassini.
Sono quelli che dopo il saluto romano del calciatore a Marzabotto fanno spallucce e parlano dei centri sociali. Sono quelli che lo stupro è tale se è fatto da un 'negro', altrimenti sono le mignotte in minigonna e ubriache che se la sono andata a cercare.
Sono quelli che si definiscono tradizionalisti, difensori dell'Europa, anti-rom, anti-islam, anti-degrado e che si guardano dal dire pubblicamente la parola fascista e fascismo.
Sono quelli per i quali la manifestazione dell'estrema destra xenofoba e antisemita di Varsavia era solo un'allegra scampagnata di famiglie che vogliono difendere la Patria dallo straniero. E i giornalisti che parlavano di fascisti e nazisti erano terroristi.
L'insostenibile ipocrisia bugiarda dei fascisti moderni è una malattia infettiva che contagia chi ha difese immunitarie deboli.
L'insostenibile ipocrisia bugiarda dei fascisti moderni è la vera malaria. Proprio per questo cercano di darne la colpa agli africani. Perché sono ipocriti e bugiardi. Perché sono fascisti."


Gianni Cipriani. 3 dicembre 2017.

The Globalist - L'insostenibile ipocrisia bugiarda dei fascisti moderni

04 dicembre 2017

ArmaMenti - ANPI Casorate. Motta V. Rosate. (Mi)


ANPI Milano - No all'indifferenza.

Profonda esecrazione ANPI Provinciale di Milano

L'ANPI Provinciale di Milano esprime profonda esecrazione per la ennesima provocazione neofascista avvenuta a Milano, nel quartiere Ortica sul cavalcavia Buccari. I neofascisti hanno cancellato le parole Bella ciao, con una vergognosa frase inneggiante a Mussolini.
Siamo di fronte a una preoccupante deriva razzista e antisemita che non deve assolutamente essere sottovalutata.
Il pericolo maggiore è costituito dall'indifferenza di fronte alle sempre più pericolose iniziative neofasciste e neonaziste che colpiscono anche la nostra città, capitale della Resistenza.
Per queste ragioni sarà importante la risposta che verrà data a Como il prossimo 9 dicembre dal più ampio arco di forze politiche,sociali, sindacali, di Associazioni della Resistenza e la mobilitazione promossa a Milano, per martedì 12 dicembre, dal Comitato permanente Antifascista per la difesa dell'ordine repubblicano nella ricorrenza del 48° anniversario della strage di piazza Fontana.
Roberto Cenati
Presidente ANPI Comitato Provinciale di Milano

24 novembre 2017

ANPI Nazionale. "Uomini siate protagonisti della battaglia contro la violenza sulle Donne..."

"Uomini, siate protagonisti della battaglia contro la violenza sulle donne, costruiamo insieme il rinnovamento umano del Paese"

Il messaggio della Presidente nazionale ANPI, Carla Nespolo

ANPI Arona - Partigiani Sovietici nella Resistenza Italiana.


21 novembre 2017

ANPI Provinciale Milano - Solidarietà a Pierfrancesco Majorino.

Profonda indignazione ANPI Provinciale di Milano e solidarietà all'Assessore Majorino. -
L'ANPI Provinciale di Milano esprime profonda indignazione per gli striscioni razzisti affissi in numerosi punti della nostra città da casa Pound, i cui militanti si definiscono fascisti del terzo millennio.
Chiede alle autorità competenti di procedere immediatamente alla rimozione degli stessi e alla denuncia dei responsabili di Casa Pound che con questa vergognosa iniziativa offendono i sentimenti di Milano, città antifascista, democratica e multietnica.
L'ANPI Provinciale di Milano manifesta la propria solidarietà e vicinanza all'Assessore Pierfrancesco Majorino, pesantemente minacciato dai neofascisti di Casa Pound.
Roberto Cenati - Presidente ANPI Provinciale di Milano.

ANPI Verbano Cusio Ossola - Costituzione...


Una città per giocare (e non solo). ANPI Arcore.


20 novembre 2017

12 Dicembre 2017. Cerimonia ufficiale Strage di Piazza Fontana/Banca dell'Agricoltura.

Il Comitato Permanente Antifascista di Milano ha deciso di organizzare la manifestazione per l'anniversario della strage di Piazza Fontana con le seguenti modalità:
MARTEDI 12 DICEMBRE 2017 IN PIAZZA DELLA SCALA
CONCENTRAMENTO DEL CORTEO
Ore 15,45. Concentramento del corteo con alla testa i Gonfaloni dei Comuni, della Regione Lombardia e della Città Metropolitana in piazza della Scala.
Il corteo avrà il seguente svolgimento: 
 Piazza della Scala, via Santa Margherita, via Mengoni, piazza Duomo (lato destro),                               via dell'Arcivescovado, piazza Fontana.
MARTEDI 12 DICEMBRE 2017 IN PIAZZA FONTANA
CERIMONIA UFFICIALE
ore 16,30 arrivo delle staffette podistiche da Villasanta e Seregno;
ore 16,37 posa delle corone in piazza Fontana, alla presenza delle autorità;
ore 16,45 interventi conclusivi in piazza Fontana:
          Carlo Arnoldi, Presidente Associazione Familiari Vittime di Piazza Fontana 12 dicembre; 
·         Danilo Galvagni, Segretario Generale della CISL Milano Metropoli;
·         Carla Nespolo, Presidente Nazionale dell’ANPI;
·         Giuseppe Sala, Sindaco di Milano;
Coordina: Roberto Cenati, Presidente Comitato Permanente Antifascista contro il terrorismo per la difesa dell’ordine repubblicano
Tutte le Sezioni sono invitate a partecipare con le bandiere.
Un caro saluto
Roberto Cenati
Presidente ANPI Comitato Provinciale di Milano
P.S.: Con invito alla massima diffusione tra gli iscritti  e ad organizzare la partecipazione alla manifestazione




ANPI Milano - Spagna in fiamme... AICVAS & Circolo De Amicis.


17 novembre 2017

Comune di Milano. Civica benemerenza al Partigiano "Alfa".

Il prossimo 7 dicembre, Milano "Città Medaglia d'Oro per la Resistenza" 
consegnerà ufficialmente al Partigiano "Alfa" Giovanni Marzona, 
nella Cerimonia al Teatro Dal Verme, 
l'Attestato di Civica Benemerenza del Comune di Milano. 
le felicitazioni più grandi da tutta la Sezione ANPI Barona di Milano. 
Grazie Giovanni per tutto quello che hai fatto per tutti NOI.!









Difendere la MEMORIA. ANPI Legnano. (Mi)


13 novembre 2017

Bella Ciao "Ras", Buon viaggio Guido Varesi.



















Ras insieme al suo Comandante Maino, in un fotogramma del Film/Documentario di Ivano Tajetti "Noi Partigiani dell'Oltrepò" Ras, che se ne andato, ha raggiunto Maino e tutti gli altri Partigiani e Partigiane che in quella bellissima pagina della nostra Storia che si chiama Resistenza ci hanno regalato un sogno che si chiama LIBERTA'. Grazie Guido Varesi, Bella Ciao "Ras". Tutta la Sezione ANPI Barona Milano, abbruna la sua bandiera, il cordoglio più sincero alla Famiglia ed all'ANPI Broni. Buon viaggio e lungo il sentiero salutaci tutti gli amici e i Partigiani, Partigiane che incontrerai. "Quando muore un Partigiano ci muore un Padre, quando muore una Partigiana ci muore una Madre" 

08 novembre 2017

Carlo Smuraglia - Consiglio Nazionale ANPI. 4 novembre 2017.

Carlo Smuraglia - Consiglio Nazionale ANPI. 4 novembre 2017.

"Mi sia consentito, peraltro, di lasciarvi un messaggio per il futuro, dettato dall’esperienza che ho fatto con voi e anche, in qualche modo dagli insegnamenti di una lunga vita di impegno e di passioni. Cercate di essere l’ANPI di sempre, con i suoi valori, le sue tradizioni, la sua complessa e meravigliosa realtà.
Cercate di resistere alle lusinghe ed alle tentazioni e conservate, rigorosamente e pervicacemente, l’autonomia che è – insieme all’identità – il bene più prezioso di cui disponiamo. Cercate di mescolare le generazioni e i generi, perché l’ANPI deve essere un tutto unico anche se fatto di persone di esperienze diverse, in ogni caso, restando al di fuori da ogni disuguaglianza di genere.
Assicurate la continuità, prima di ogni altra cosa: il futuro ci presenta prospettive e problemi diversi e spesso nuovi; ma per affrontarli bisogna saper restare ancorati al nostro grande passato, alle nostre esperienze del dopo guerra, ai maestri di vita, come Arrigo Boldrini, che questa associazione ha presieduto per tanti anni dopo il periodo della Resistenza.
Se i tempi sono difficili e se i problemi aumentano o diventano più complessi, ricordatevi sempre che all’origine della nostra storia c’è stato il coraggio delle scelte e la forza di volontà di chi è sicuro di avere la ragione dalla sua parte.
In un’epoca in cui sembrano scomparsi, oltre alle ideologie, anche gli ideali, pensate sempre che, senza ciò che è scritto nei primi articoli del nostro Statuto, insomma, senza il richiamo ai valori della Resistenza e della Costituzione, non ci sarebbe davanti a noi alcuna seria prospettiva. Ai tempi duri ed ai problemi nuovi e più complessi reagite con la volontà, la ragione e gli ideali che ci contraddistinguono e sono il nostro fondamento. E dove non arriva la ragione, scatenate la fantasia; dove la prospettiva sembra chiusa dentro confini ristretti, scavalcatela con un pizzico di utopia, che è poi quella che ci ha aiutato a combattere nella Resistenza, a resistere alle deportazioni e alla violenza. Non arrendetevi mai, di fronte a nessun ostacolo; non lo hanno fatto coloro a cui ci richiamiamo sempre con affetto, e non dovete farlo neanche voi, perché la rassegnazione, la passività, lo scoramento non appartengono, per definizione all’ANPI.
Coltivate i giovani, non con l’alterigia di chi sa già tutto e non ha nulla da imparare ma con la modestia di chi pensa che ognuno merita rispetto ed attenzione, perché da ognuno – quale che sia l’età o il genere – c’è sempre qualcosa di nuovo da imparare e da scoprire.
Aiutate i giovani a formarsi ed a crescere, non con la bacchetta del maestro ma con la mano ferma, dolce del padre o del fratello.
E’ con questo spirito che dovete affrontare un futuro denso di nuvole, senza scoraggiarvi mai, senza rinunciare a nulla della nostra tradizione e dei nostri valori, ma adeguandoli in modo che ci mettano in grado di superare ogni ostacolo.
Qualunque cosa accada, siate orgogliosi di essere membri dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, eredi di chi ha sofferto e combattuto per la libertà; e ricordatevi sempre che di questa gloriosa eredità bisogna essere degni, non solo e non tanto per il bene della nostra Associazione, ma per il bene e il futuro del nostro Paese.
In un suo bel libro, intitolato, non a caso, “Non è il Paese che sognavo”, il Presidente Ciampi (che era stato partigiano), faceva considerazioni molto sconfortate (ma davvero ancora oggi assai attuali), su un Paese “confuso e smarrito”, “imbarbarito nella vita pubblica e nel vivere civile”, “proteso troppo spesso verso l’interesse personale anziché verso l’interesse comune”. Pur di fronte ad un quadro simile, Ciampi non si arrendeva e preferiva richiamarsi ad una famosa frase dei fratelli Rosselli “non mollare”, spiegando “sta in voi volgere in positivo le difficoltà di questi tempi”.
Un insegnamento prezioso, arricchito col richiamo ad una bellissima frase di un poeta antico (Ovidio) che diceva così: “il creatore ha creato gli animali con la faccia prona, ma agli uomini comandò di guardare eretti il cielo e di volgere lo sguardo verso le stelle”.
Ne traggo spunto per dirvi: schiena diritta, sguardo verso le stelle, con dignità e speranza, e conquisterete, come tanti anni fa, i nostri combattenti per la libertà, un futuro democratico e antifascista."

ANPI News n°264.


Con questo numero, a seguito dell’avvicendamento che si è verificato al vertice dell’ANPI (colgo l’occasione per fare i più sentiti e calorosi auguri di buon lavoro a Carla Nespolo), cessa la pubblicazione della newsletter, quanto meno nella forma attuale, che ci ha impegnato per ben 264 settimane. 
Carlo Smuraglia. 





ANPI Magenta (Mi) Catalogna bombardata...


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...